Glossario enologico

 
Termine Definizione

Classico

Aggettivo autorizzato per alcune D.O.C. relativo alla produzione che avviene nelle zone vitivinicole più antiche e con lo stesso termine si definisce un metodo di spumantizzazione analogo allo Champenoise.

Cloni

Gruppo di piante derivante per moltiplicazione da un'unica pianta selezionata.

Collaggio

Viene fatto con l'albume d'uovo, colla di pesce o gelatina, bentonite ecc. allo scopo di chiarificare i vini, facendo precipitare le particelle colloidali in sospensione.

Colmature

Aggiunte di vino dello stesso tipo, per mantenere il recipiente ben pieno.

Colorante

La materia colorante deriva da pigmenti localizzati nelle bucce, la polpa delle bucce è incolore (tranne che per certe varietà dette teinturier, come il Gamay teinturier); questi pigmenti sono molto solubili nell'alcol, è questo che più lunga è la fase di vinificazione più sarà pronunciato il colore.

Colore

E' uno dei primi elementi di valutazioni delle qualità del vino, la prima distinzione che si fa è tra vini rossi, vini bianchi e vini rosati, dopodiché per esempio tra i bianchi si parte da un colore giallo molto scarico tipico di certi vini siciliani o degli spumanti di qualità, al giallo paglierino con riflessi verdolini tipico dei bianchi giovani al giallo dorato fino all'ambrato caratteristico di certi vini passiti, anche la gamma dei rossi e dei rosati è abbastanza varia con sfumature che danno sempre indicazioni interessanti sullo stato del vino, il rosso parte da un porpora (es. novelli) indice di gioventù al rubino fino al granato magari con riflessi aranciati indice di invecchiamento.

Concia

Metodo di vinificazione dei vini di Marsala, che pare avere origini romaniche, I vini prima che gli inglessi ne perfezionassero il procedimento di stabilizzazione, venivano preparati con l'aggiunta di mosto cotto ed evaporato per ebollizione fino al restringimento ad almeno 1/3 del volume iniziale.

Coppa

Calice molto ampio, adatto a favorire lo sviluppo degli aromi del vino, consigliabile ad es. per i moscati.

Corpo

Il corpo è dato dall'insieme delle sostanze che costituiscono l'estratto del vino, cioè il colore, l'acidità, i tannini, l'alcool. Il risalto di questi elementi determina appunto la "corposità" del vino, che può essere robusto, pieno, debole.

Corposo

Vino ricco e con una buona struttura generale.

Corto

Si dice di un vino poco persistente, cioè che lascia uno scarso sapore in bocca.

Crémant

Spumante caratterizzato da un basso contenuto di anidride carbonica e da un perlage molto fine: al palato risulta più felpato, meno frizzante.

Cristallino

Vino bianco, limpido e trasparente.

Cru

Termine francese che deriva del verbo croitre ( crescere) è riferito ad un particolare terreno luogo dove cresce la vigna, nella regione di Bordeaux il termine crù individua lo chateu in modo ben preciso conferendogli personalità ed individualità.

Cultivar

Sottospecie di un vitigno. Cuvée: E' il risultato delle operazioni di taglio di vari vini di diverse provenienze e annate, solitamente alla base degli spumanti Metodo Classico, ma non solo.

Indietro Pagina precedente 1 2 Nessuna pagina successiva Avanti
Trovate 30 rispondenze. Pagina 2 di 2 totali.